sabato 13 ottobre 2007

Eravamo 3000 amici alla Bouvette...

...che volevano cambiare una legge (elettorale)
Nuovo fantastico delirio lisergico del ceppalonico


Tremila amici e una legge popolare



Sono soddisfatto. Volto pagina. Tremila amici sono arrivati da tutt'Italia per ragionare insieme a me di politica, di uno scatto da compiere, di un progetto di centro da portare avanti a testa alta, e, non ultimo , per manifestarmi solidarietà in un momento che, sia pur dietro le spalle, è stato molto difficile. Anche Pezzotta ha voluto essere presente. Ora guardo avanti. Alla legge popolare per la quale proveremo a raccogliere firme ovunque. Per chiedere che si inserisca nuovamente il diritto a esprimere le preferenze nella scheda elettorale.

-------------------------------------------------------------------------------------------------

Mi viene difficile capire questa mossa. Chi sta al Governo, Sbirulino o il Mago Zurlì? Chi ha la possibilità di proporre dall'interno delle istituzioni un diritto sancito da un referendum popolare nel 1992 e cancellato a colpi di maggiornaza nella scorsa legislatura da una legge "Porcata"?

Ceppalonico, ma ci credi tutti degli idioti oppure sei il solo ad esserlo?



16 commenti:

Anonimo ha detto...

A Clemente... A Pastella... guarda che l'8 settembre è già passato... abbiamo già firmato in 300.000 la legge popolare che vuoi proporre!!!

Forse pensi che il V-Day è l'8 novembre?!?!?

Anonimo ha detto...

E'curabile la mastellite?
Questo e' il problema!

Anonimo ha detto...

Egregio sig. Ministro,
è vero che, come ha detto, la paghiamo meno di quel che merita, ma questa storia di girare l'Italia per raccogliere firme per una proposta di legge già sottoscritta da 300.000 e più persone, è davvero ridicola. Non è che ci sta prendendo per culo?

emanuele ha detto...

...è uno scherzo?
Ma non si è accorto che un mesetto fa ne ha già fatta una qualcuno con cui lei ce l'ha tanto?
E poi lo copia?
Mi fa venire i brividi

Anonimo ha detto...

MASTELLA VATTENE A FANCULOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO
Hai la capoccia solo per spartire le orecchie!

Scalda ha detto...

dai che così scegliamo tre il peggio ed il leggermente meno peggio...
tra una merda fredda ed una merda tiepidina.

MA BASTA!

m.t. ha detto...

Abbiamo un intera classe politica di INCAPACI e CORROTTI! Non voglio dare una seconda possibilità a questa gente... Quando ne hanno avuto l'occasione l'hanno lasciata scappare di proposito fregandosene.
Ora diamoci un taglio a questi finti partiti di cartapesta. Sono fatti di aria fritta!

Sono sempre gli stessi buffoni!!!!!

Diamo un calcio nel culo a questi prepotenti che parlano parlano e non fanno niente se non alzarsi lo stipendio, raccomandare famiglia parenti e amici...
Solo ora che il cittadino si è dovuto incazzare (per l'esasperante incapacità e prepotenza di questi buffoni), si stanno muovendo (per FINTA) per darci il solito contentino e farci stare buoni e distrarci un po'con la speranza (da parte loro) che tutto ritorni nel dimenticatoio.

Nel mio caso non sarà più così!

Vogliamo gente nuova, pulita, incensurata con la voglia di portare il paese ad una vita dignitosa per tutti, abbattendo questo stato delle cose ormai stagno e sempre più incerto!

TOLLERANZA ZERO!
Hai sbagliato? Bene, ne pagherai le conseguenze!
Hai fatto la bella vita a spese del paese senza servirlo e riverirlo??
Bene, ne pagherai ancora le conseguenze!!!

Mi asterrò dal votare, almeno chè un elemento valido e soprattutto nuovo non esca allo scoperto. Allora sarà giusto dare la possibilità a questa/e persona/e di dimostrare le proprie capacità o incapacità. Purtroppo è un terno al lotto, ma piuttosto che andare sul sicuro con quelli che abbiamo ora e cioè NEPOTISTI LADRI E DELINQUENTI, preferisco tentare la strada nuova che percorrere ancora quella vecchia e putrida!

Gianluca ha detto...

Soddisfatto?
Credo che si possa ritenere soddisfatto se il popolo è soddifatto.
Meglio rimboccarsi le maniche.....

Anonimo ha detto...

Volevo onestamente chiedere all'autore di questo blog di correggere il tiro:

"Ceppalonico, ma ci credi tutti degli idioti oppure sei il solo ad esserlo?"

C'è un inesattezza, Mastella non è l'unico idiota!

Andrea ha detto...

no, non è l'unico, è vero. ma fra gli idioti è il fior fiore!

lupin ha detto...

VERGOGNA MINISTRO VERGOGNA!!
IN UN GIORNO SOLO DUE PROIETTILI UNO AL MAGISTRATO CHE LEI HA CHIESTO DI SPOSTARE E UN ALTRO ALLA COLLEGA CHE HA OSATO DIFENDERLO IN DIRETTA TV.

E' SICURO DI DIFENDERE L'INTERESSE DEGLI ITALIANI OPPURE DI QUALCUN'ALTRO INFASTIDITO DAI DUE MAGISTRATI?

VERGOGNA! VERGOGNA! VERGOGNA!
SI DIMETTA SUBITO PER NON INSULTARE L'INTELLIGENZA DEGLI ITALIANI.

Anonimo ha detto...

CONDIVIDO PIENAMENTE QUANDO DETTO DA LUPIN. SARA' UN CASO CHE GLI INTERESSI DEL MINISTRO SONO IN PIENO CONDIVISI DALLA MALAVITA.
HO E' SOLO CASUALITA'?

Anonimo ha detto...

MASTELLA è CORNUTO, NON VUOLE FARLO SAPERE IN GIRO E PERCIO' CHIUDE INTERNET!
MA CI PENSIAMO NOI A DARE NOTIZIA DELLE CORNA DI MADRE CLEMENTE DI CALCUTTA:
La cornificazione del Mastella Pellegrino in Ceppaloni.
Settembre 2007: in paese corre voce che la nuora di Clemente, tale Alessia Camilleri ha tradito il figlio primogenito del Mastella, Pellegrino (Mastella, N.d.R.)allorquando la famigliola ha trascorso alcuni giorni di vacanza agostana sulla barchetta di Della Valle Renato, noto venditore di scarpe di pezza.
Mentre il mastellino Pellegrino era ancora a Roma a lavorare presso il ministero Attività/produttive (dove il paparino lo ha piazzato a fottersi uno stipendio ingiustificatamente), l'allegra brigata familiare dei ceppalonici, formata dal ciccione Clemente, dalla sua signora Sandra Lonardo e dalla moglie del figlio Alessia Camilleri [in mastella per anni uno e mesi due] hanno raggiunto il loro compare Della Valle Diego sulla barca di quest'ultimo ormeggiata a Capri per poi recarsi alle isole Eolie.
Dopo alcuni giorni, il mastellino Pellegrino raggiunse anch'egli l'allegra brigata dei gitanti ma ebbe un'amara sorpresa: trovò sua moglie Camilleri Alessia che giaceva nuda in una cabina sottocoperta dove si era intrattenuta con il figlio di Della Valle. Sbigottito da quella brutta sorpresa, il mastellino scoppiò in lacrime e rimase scottato al punto che non volle partecipare nemmeno al gran Premio di Monza insieme al babbo Clemente (che doveva aggiustare la causa della McLaren contro la Ferrari presso il tribunale di Monza e che perciò ivi andò per incontrare il vecchio Briatore che si era offerto come mediatore e rimediatore per parte McLaren). Fu così che il cornuto mastellino decise di avviare le pratiche di divorzio. Se prima i 2 sposi Mastella Pellegrino e Camilleri Alessia vivevano in una delle tante case del ceppalonico a Roma, adesso Alessia se n'è andata via da quella casa e si è trasferita in una località del norditalia per vivere con il figliolo di Della Valle Diego.
La storia andava avanti da diverso tempo e per rimediare, il grasso Clemente introdusse una legge bavaglio contro la stampa italiana tutta. Avendo saputo dai servizi segreti ceppalonici che in un blog di Foggia era comparsa la notizia del figlio Pellegrino cornificato da Camilleri Alessia, Mastella Clemente decise di chiudere internet a costo di fermare la storia del progresso scientifico e tecnologico della quale è perfettamente ignorante.

L&F ha detto...

I suoi ricatti nel voler far cadere il governo ormai li abbiamo capiti... sarà mica che alle prossime elezioni, visto che vincerà il centro destra, si presenterà con lo psiconano? Alla Snai lo darebbero uno a uno. Certo che non pubblicherà (e commenterà), copierò nel blog del suo alterego porgendole distinti saluti

Anonimo ha detto...

Caro Ministro (si fa per dire), da un recente sondaggio eseguito su Libero risulta che il suo partito, se si andasse alle urne domani, prenderebbe lo 0,26 % di voti. Considerando in 40 milioni i votanti, farebbero 104 mila voti per il suo partito. Un successone. Fortunatamente sparirebbe dall'italia. Forza e coraggio, che se contunua così la voteranno solo i parenti più stretti, quelli ai quali ha trovato un posto di lavoro a nostre spese.

Anonimo ha detto...

come sempre NOI facciamo iniziative popolari e LORO se ne assumono le responsabilità(vedi costi sulle ricariche telefoniche)
MASTELLA INVECE DI SPARARE CAZZATE DIMETTITI E FATTI PROCESSARE!!!!!!!!!!!!!