giovedì 18 ottobre 2007

Marco Travaglio for president

post di Marco Travaglio tratto da Voglio Scendere

Fuori lui o fuori noi


Scusate se dico un’altra parolaccia, ma ho scoperto una cosa che mi ha lasciato basito: il cosiddetto ministro della Giustizia Clemente Mastella (parlando con pardòn) è tuttora iscritto all’ Ordine dei giornalisti professionisti .

Colui che ha definito Annozero il “Ku Klux Klan dell’informazione” e ne ha chiesto la normalizzazione minacciando, altrimenti, di sfiduciare il Cda Rai e di far cadere il governo, che ha insultato Santoro , il sottoscritto e Beatrice Borromeo , che ha definito Giovanni Floris “un farabutto”, che chiede i danni all’ Espresso “reo” di aver scoperto la sua gita di Stato aviotrasportata al gran premio di Formula Uno e le sue sei case comprate a prezzi da box auto nel centro di Roma, che paragona al terrorismo ogni critica nei suoi confronti, che scrive nel suo blog “ qual’è ” con l’apostrofo e “come se io sia”, che ha scritto una legge liberticida per far condannare fino a 100 mila euro i giornalisti che pubblicano atti d’indagine non segreti e dunque pubblici, ecco: questo bel tipo è un “collega”.

Fin da quando, a metà degli anni 70, Ciriaco De Mita lo promosse da portaborse a redattore della Rai di Napoli, suscitandovi un immediato sciopero di tre giorni. Divenuto professionista il 19 maggio 1975, lavorò esattamente per un anno e 32 giorni. Poi, nel 1976, venne eletto deputato e non uscì più dal Parlamento . Ma si guardò bene dal dimettersi dalla Rai: si mise in aspettativa . E vi rimase per 25 anni. Stipendio virtuale (quello da giornalista), contributi altrettanto virtuali (”figurativi”, si dice in gergo tecnico), ma pensione più che reale: dal 2000 il “giornalista” Clemente Mastella è un pensionato dell’Inpgi , pur avendo svolto la professione per 397 giorni appena (dev’essere per questo che l’altro giorno mi ha accusato di “scrivere su tanti giornali”: l’idea che un giornalista lavori l’ha comprensibilmente sconvolto).

Ora, lungi da me qualunque intento censorio , ci mancherebbe. Ma mi domando che ci faccia uno così, uno che ha questa concezione della libertà d’informazione, del diritto di cronaca e di critica, nell’Ordine dei giornalisti. Onde evitarmi di doverlo querelare nel caso in cui dovesse chiamarmi “collega”, domando rispettosamente all’Ordine dei giornalisti se non sia il caso di espellere il “giornalista” Mastella .

Oppure, in alternativa, di tenere lui e di espellere tutti i giornalisti veri.

46 commenti:

CAGLI-TRICOLORE ha detto...

Cossiga in una dichiarazione - proclamo: quanto è bello Giorgio Napolitano! Quanto è buono Giorgio Napolitano! Quanto è intelligente Giorgio Napolitano! Quanto è simpatico Giorgio Napolitano! Quanto è asino Clemente Mastella!”.

Anonimo ha detto...

Mastella vattene, schifoso essere. Sei la rovna dell'italia

Anonimo ha detto...

io propongo di espellere mastella dall'Italia

Redattore Precario ha detto...

Sono un redattore free lance e non riesco a diventare pubblicista perchè le testate pagano poco e non raggiungo il limite minimo per iscrivermi all'albo. Non ho mai trovato un praticantato, e guarda caso "scrivo su molti giornali" (ma dai Mastella non lo sapevi?). Il ministro ha lavorato per un anno scarso ed ha la pensione di giornalista. W l'Italia.

Anonimo di quasi tutto il POPOLO ITALIANO ha detto...

Ma per mandarlo via dobbiamo forse indire un Referendum.
Visto che è sordo e cieco e fa finta di non sentire, che ne dite gente, vogliamo raccogliere le firme.
anonimo, anomimo, anonimo rappresentante di quasi tutto IL POPOLO ITALIANO

Anonimo di quasi tutto il POPOLO ITALIANO ha detto...

Ma per mandarlo via dobbiamo forse indire un Referendum.
Visto che è sordo e cieco e fa finta di non sentire, che ne dite gente, vogliamo raccogliere le firme.
anonimo, anomimo, anonimo rappresentante di quasi tutto IL POPOLO ITALIANO

Antonio alessi ha detto...

De Magistris, l'inquisito Mastella, gli Inquisiti del Consiglio Regionale della Calabria.
Seguite questa sera alle 22,30 anche su internet l'On. Angela Napoli su:http://www.telespaziotv.com/quicktime.html (è necessario Quick time vers. 7.1.3).

De Magistris, l'inquisito Mastella, gli Inquisiti del Consiglio Regionale della Calabria.
Seguite questa sera alle 22,30 anche su internet l'On. Angela Napoli su:http://www.telespaziotv.com/quicktime.html (è necessario Quick time vers. 7.1.3).

http://angelanapoli.blogspot.com

Anonimo ha detto...

Mastella (farabutto!!)..facciamo un V-Day e raccogliamo le firme per mandarlo viaaaaaa!!!!!....Deve andare viaaaa....deve perdere tutto...deve vivere come noi italiani che prendiamo un misero stipendio..e che .fatichiamo per arrivare a fine mese..

CresceNet ha detto...

Oi, achei seu blog pelo google está bem interessante gostei desse post. Gostaria de falar sobre o CresceNet. O CresceNet é um provedor de internet discada que remunera seus usuários pelo tempo conectado. Exatamente isso que você leu, estão pagando para você conectar. O provedor paga 20 centavos por hora de conexão discada com ligação local para mais de 2100 cidades do Brasil. O CresceNet tem um acelerador de conexão, que deixa sua conexão até 10 vezes mais rápida. Quem utiliza banda larga pode lucrar também, basta se cadastrar no CresceNet e quando for dormir conectar por discada, é possível pagar a ADSL só com o dinheiro da discada. Nos horários de minuto único o gasto com telefone é mínimo e a remuneração do CresceNet generosa. Se você quiser linkar o Cresce.Net(www.provedorcrescenet.com) no seu blog eu ficaria agradecido, até mais e sucesso. (If he will be possible add the CresceNet(www.provedorcrescenet.com) in your blogroll I thankful, bye friend).

Anonimo ha detto...

MASTELLA INDAGATO, CONFERMA'UFFICIOSA' DA PROCURA
La Procura della Repubblica di Catanzaro ha confermato "ufficiosamente" che il ministro della Giustizia, Clemente Mastella, è indagato nell'inchiesta Why Not condotta dal pm Luigi De Magistris. L'inchiesta riguarda il presunto utilizzo illecito di finanziamenti pubblici da parte di un gruppo di esponenti politici, amministratori ed imprenditori che avrebbero fatto capo ad un comitato d'affari con base operativa e finanziaria nella Repubblica di San Marino. A confermare ufficiosamente che Mastella è indagato sono state fonti autorevoli della Procura. Nessuna conferma ufficiale, comunque, poichéle iscrizioni nel registro degli indagati, viene fatto rilevare dalle stesse fonti, sono coperte dal segreto. L'iscrizione al registro degli indagati, tra l'altro, non comporta alcuna comunicazione all'interessato. Fatto questo che spiega perché il ministro Mastella non ha ricevuto alcuna comunicazione.

Il coinvolgimento di Mastella nell'inchiesta Why Not sarebbe motivato dai suoi presunti rapporti con l'imprenditore Antonio Saladino, ex presidente della Compagnia delle opere della Calabria e personaggio centrale dell'inchiesta. L'indagine, infatti, ruoterebbe attorno alla vasta attività imprenditoriale di Saladino, titolare in passato di una società di lavoro interinale denominata Why Not dal quale ha preso il nome l'inchiesta. Agli atti dell'inchiesta figurano, tra l'altro, intercettazioni di colloqui telefonici tra Mastella e Saladino. La prima iniziativa assunta il 9 ottobre scorso da De Magistris al suo rientro da Roma, dopo avere partecipato alla riunione della sezione disciplinare del Csm che ha rinviato al 17 dicembre la pronuncia sulla richiesta di trasferimento del magistrato fatta da Mastella, era stata una riunione con i periti d'ufficio per l'esame dei flussi finanziari e telefonici emersi dall'inchiesta. Nel corso della riunione erano state esaminate, in particolare, le intercettazioni telefoniche riguardanti il ministro Mastella. Alla riunione aveva partecipato anche Gioacchino Genchi, il superconsulente che sta gestendo tutti gli accertamenti tecnici disposti da De Magistris in merito ai tabulati telefonici acquisiti all'inchiesta.I presunti rapporti con Antonio Saladino hanno rappresentato anche il motivo dell'iscrizione nel registro degli indagati, nell'ambito della stessa inchiesta Why Not, del Presidente del Consiglio, Romano Prodi.
FONTE: ANSA

andrea ha detto...

SAREMO IL PAESE NUMERO 15!

www.gattocurioso.blogspot.com

Ulisse ha detto...

Forse dovremmo preoccuparci di questo?
"Da Palazzo Chigi spunta un ddl coi limiti ai blog «Registro per blog e siti internet» " Corriere della sera, 20 ottobre 2007


Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Ricardo Levi dopo le anticipazioni di Repubblica.it replica alle accuse di Grillo "Vogliamo tutelare il pluralismo dell'informazione"
Ddl editoria, il governo si difende
"Nessuna censura per internet"
La Repubblica 19 ottobre 2007.

E c'è già chi raccoglie adesioni per una petizione:
www.petitiononline.com/noDDL/petition.html

Bufala o verità?

Che Mastella ci stia provando?

giacomo ha detto...

che Paese di merda siamo diventato...

AvvocatoDelDiavolo ha detto...

da lasteccanelcoro.blogspot.com

Sig. Ministro vada a ringraziare di cuore la Procura di Catanzaro ove sembra che Lei sia stato iscritto nel registro degli indagati.Eh sì, sembra perchè ,more solito, la fuga di notizia verso la stampa (è la volta del quotidiano destrorso "Libero") è stata inarrestabile.O le notizie sono "centometriste" e quindi inarrestabili nella loro fuga , o sono stati davvero bravi i giornalisti ed il Direttore di Libero (giornale di destracentro) ad acquisire questo scoop, così come mesi fa lo fu Panorama (giornale di centrodestra) sugli indagati Prodi e Company.Dicevo, Sig. Guardasigilli ringrazi la Procura di Catanzaro perchè attraverso questo grande assist Lei ha dimostrato come tutto ciò che aveva fatto prima (invio degli ispettori a Catanzaro etc) non era funzionale a difendere sè stesso, ma la Giustizia.Difatti solo dal 14 Ottobre Lei sarebbe iscritto nel registro degli indagati.Non prima.Son serviti tutti i dietrologisti invidiocastisti (invidiosi della cd Casta) che avevano visto il suo intervento come l'effetto di un Suo diretto involgimento nell'inchiesta. A meno che si voglia pensare che Lei abbia avuto poteri apotropaici (ovvero capaci di scacciare gli effetti nefasti) fino al 14 Ottobre.Un fatto è certo:il Sig. Ministro ha fino ad adesso agito non nel suo interesse, in quanto fino al 14 Ottobre non era indagato.Precisiamo che il Ministro non ha neppure ricevuto un avviso di garanzia.Ma si sa ,anche un'alito di vento in casa Mastella, diventa per gli italiani una nefasta tromba d'aria.E' inutile Sig. Guardasigilli che continui a dichiarare a più riprese "di non essere mai stato iscritto a nessuna loggia massonica, nè in Italia nè all’estero, e di non aver mai partecipato a comitati d’affari o a singoli affari, come testimonia la mia trentennale vita pubblica e parlamentare nella prima, nella seconda e spero anche nella terza Repubblica». Coloro i quali la stanno perseguitando fanno filtrare notizie prive di fondamento come ho già avuto modo di scrivere http://lasteccanelcoro.blogspot.com/2007/10/chi-c-dietro-dementemastellablogspotcom.html .Ci chiediamo perchè la Procura di Catanzaro ,nelle cui stanze sembra ci sia una brezza insostenibile (altro che tscunami) , che fa volare le carte giudiziarie relative ai grandi politici sempre verso Milano (prima verso la Redazione di Panorama e dopo verso quella di Libero) non confermi, nè neghi ufficialmente la notizia dell'iscrizione nel registro degli indagati. Ormai la frittata è fatta:soprassedendo non si fa che lasciare nell'ansia i cittadini come il Ministro Mastella che hanno diritto di sapere, non da Libero o Panorama, ma attraverso atti formali, quando potere attivare la propria linea difensiva.Si è detto che c'è un segreto istruttorio.E' vero. Ma ormai la notizia è uscita.Vogliamo lasciare sulla "brace" un cittadino italiano che non sa cosa gli sta accadendo (un tempo si diceva "non sa chi di che morte morirà"? Intanto abbiamo notizia che la Procura di Catanzato ha sottratto a De Magistris l'indagine sul Sig. Ministro.Non crediamo sia certo una vittoria per il magistrato catanzarese.Comunque ,anche in questo momento, è bene ricordare che il Sig. Dott. De Magistris aveva presentato mesi fa, ovvero prima del deferimento al CSM, una richiesta di trasferimento.Ma come mai poi tutte quelle sollevazioni di popolo per far rimanere De Magistris a Catanzaro?Non ci si capisce più niente.Il Dott. De Magistris ha cambiato idea e vuole rimanere a Catanzaro o no? Addirittura i suoi legali sembra stiano utilizzando i metodi avvocateschi più sottili per impedire al CSM di giudicare su alcuni punti dell'incolpazione al CSM (vedi più estesamente http://lasteccanelcoro.blogspot.com/2007/10/e-i-difensori-di-de-magistris-lombardi.html ).Comunque si dà il caso che il Sig. Ministro Mastella nella sua vita sia stato indagato solo una volta ed anche assolto.La Sua fedina penale odora di bucato.Quella di altri politici,diciamo...meno.Molto meno.Sicuramente il Sig. Ministro non ha fatto sempre bene (vedasi poco coraggio nel supportare un proprio DDL realmente "liberalizzatore" delle professioni, fino ad arrivare alla non condivisibile firma dell'atto con cui Storace potrà essere perseguito per le proprie opinioni espresse nei confronti del Presidente della Repubblica Napolitano).I Cittadini sanno o no che il Ministero della Giustizia ,però, in quasi un anno e mezzo di lavoro, ha saputo legiferare assai più degli altri Dicasteri? Parliamo dell'indulto (che si attribuisce solo a lui ma è stato votato dal 75% dei parlamentari), del DDL sull'ordinamento giudiziario che ha cassato quel vergognoso attacco all'indipendenza della magistratura che era il DDL Castelli.In più il Ministero della Giustizia sta cercando di portare a termine un provvedimento ,a tutela dei cittadini, sulle intercettazioni telefoniche.Vi sembra poco?Ma perchè quindi quest'odio per Mastella?Perchè questi presunti "agguati mediatici" (vedi http://lasteccanelcoro.blogspot.com/2007/10/ecco-chi-il-traditore-che-ha-ideato.html e http://lasteccanelcoro.blogspot.com/2007/10/dopo-anno-zero-sono-sempre-pi-dalla.html ) solo contro di lui? Si sprecano conto il Sig. Ministro numerosi siti internet a lui (negativamente) dedicati (http://clementepastella.blogspot.com/ , http://mastellauncensored.blogspot.com/ fino ad arrivare a http://www.mastellatiodio.blogspot.com/ Non c'è nessuno che ponga il problema che questi siti, anche ovviamente indirettamente, possano far crescere così tanto l'odio (per me assolutamente immotivato) per un Cittadino italiano tanto che qualche balordo possa pensare di farsi in(giustizia) da sè? O la Giustizia vale per tutti tranne che per il Ministro di Giustizia?

Anonimo ha detto...

MASTELLA è CORNUTO, NON VUOLE FARLO SAPERE IN GIRO E PERCIO' CHIUDE INTERNET!
MA CI PENSIAMO NOI A DARE NOTIZIA DELLE CORNA DI MADRE CLEMENTE DI CALCUTTA:
La cornificazione del Mastella Pellegrino in Ceppaloni.
Settembre 2007: in paese corre voce che la nuora di Clemente, tale Alessia Camilleri ha tradito il figlio primogenito del Mastella, Pellegrino (Mastella, N.d.R.)allorquando la famigliola ha trascorso alcuni giorni di vacanza agostana sulla barchetta di Della Valle Renato, noto venditore di scarpe di pezza.
Mentre il mastellino Pellegrino era ancora a Roma a lavorare presso il ministero Attività/produttive (dove il paparino lo ha piazzato a fottersi uno stipendio ingiustificatamente), l'allegra brigata familiare dei ceppalonici, formata dal ciccione Clemente, dalla sua signora Sandra Lonardo e dalla moglie del figlio Alessia Camilleri [in mastella per anni uno e mesi due] hanno raggiunto il loro compare Della Valle Diego sulla barca di quest'ultimo ormeggiata a Capri per poi recarsi alle isole Eolie.
Dopo alcuni giorni, il mastellino Pellegrino raggiunse anch'egli l'allegra brigata dei gitanti ma ebbe un'amara sorpresa: trovò sua moglie Camilleri Alessia che giaceva nuda in una cabina sottocoperta dove si era intrattenuta con il figlio di Della Valle. Sbigottito da quella brutta sorpresa, il mastellino scoppiò in lacrime e rimase scottato al punto che non volle partecipare nemmeno al gran Premio di Monza insieme al babbo Clemente (che doveva aggiustare la causa della McLaren contro la Ferrari presso il tribunale di Monza e che perciò ivi andò per incontrare il vecchio Briatore che si era offerto come mediatore e rimediatore per parte McLaren). Fu così che il cornuto mastellino decise di avviare le pratiche di divorzio. Se prima i 2 sposi Mastella Pellegrino e Camilleri Alessia vivevano in una delle tante case del ceppalonico a Roma, adesso Alessia se n'è andata via da quella casa e si è trasferita in una località del norditalia per vivere con il figliolo di Della Valle Diego.
La storia andava avanti da diverso tempo e per rimediare, il grasso Clemente introdusse una legge bavaglio contro la stampa italiana tutta. Avendo saputo dai servizi segreti ceppalonici che in un blog di Foggia era comparsa la notizia del figlio Pellegrino cornificato da Camilleri Alessia, Mastella Clemente decise di chiudere internet a costo di fermare la storia del progresso scientifico e tecnologico della quale è perfettamente ignorante.

Anonimo ha detto...

Vi prego ragà, leggete quest'intervista a Mastella... è finta, ma sembra vera:

http://www.stivalebucato.it/index.php?option=com_content&task=view&id=285&Itemid=1

Anonimo ha detto...

MASTELLA è CORNUTO:PER NON FAR SAPERE DELLA cornificazione DEL FIGLIO Mastella Pellegrino CHIUDE INTERNET!Settembre 2007:in paese corre voce che la nuora di Clemente,tale Alessia Camilleri ha tradito il figlio primogenito di Mastella-Pellegrino-allorchè la famigliola trascorse alcuni giorni di vacanza agostana sulla barchetta di DellaValle Renato,noto venditore di scarpe di pezza.Mentre il mastellino Pellegrino era ancora a Roma a lavorare presso il Min.Att.Prod.(dove paparino lo piazzò a fottersi uno stipendio ingiustificato),l'allegra brigata familiare ceppalonica formata dal ciccione Clemente,dalla sua signora Sandra Lonardo e dalla moglie del figlio-Alessia Camilleri[in mastella per anni 1 e mesi 2],hanno raggiunto il loro compare DellaValle Diego sulla barca di quest'ultimo ormeggiata a Capri per poi recarsi alle isole Eolie.Dopo alcuni giorni,il mastellino Pellegrino raggiunse anch'egli la truppa dei gitanti ma ebbe un'amara sorpresa:trovò sua moglie Camilleri Alessia che giaceva nuda in una cabina sottocoperta dove si era intrattenuta con il figlio di Della Valle.Sbigottito da quella brutta sorpresa,il mastellino scoppiò in lacrime e rimase scottato al punto che non volle partecipare nemmeno al gran Premio di Monza insieme al babbo Clemente(che doveva aggiustare la causa della McLaren contro la Ferrari presso il tribunale di Monza e che perciò andò ivi per incontrare il vecchio Briatore che si fungeva da mediatore e rimediatore per parte McLaren).Fu così che il cornuto mastellino avviò le pratiche di divorzio.Prima i 2 sposi Mastella Pellegrino e Camilleri Alessia vivevano in una delle tante case del ceppalonico a Roma:adesso Alessia se n'è andata via di casa e si è trasferita in una località del norditalia per vivere con il figliolo dello scarparo DellaValle.Per rimediare,il grasso Clemente ricorse prima ad una legge bavaglio contro la stampa italiana tutta e poi decise di chiudere anche internet di comune accordo con Prodi&Levi dell'Opus DEI.
Divulgate!!!

AvvocatoDelDiavolo ha detto...

W la Magistratura che combatte in silenzio contro la Mafia
Abbasso i magistrati che inquisiscono i politici (che hanno la presunzione d'innocenza) e poi vanno in TV
Abbiamo bisogno di magistrati contro la delinquenza,la Mafia, non di Magistrati che rilasciano interviste

Andrea ha detto...

Mastella sei un porco!!! De Magistris va lasciato lavorare. Per cortesia. E fuori dai coglioni al più presto!!!

Andrea ha detto...

Mastella sei un porco!!! De Magistris va lasciato lavorare. Per cortesia. E fuori dai coglioni al più presto!!!

Anonimo ha detto...

Ma si può avere una faccia di cazzo come la sua e pretendere pure d'aver ragione?

Anonimo ha detto...

Il senso della vergogna è la cosa che più manca a gente come pastella.
Ma coloro che li candidano? Coloro che li tengono in mezzo solo in virtù di un "potere" elettorale che questi vantano, schiavizzando intere regioni, approfittando dei fondi dell'unione europea per trasformare il disagio delle regioni povere in merito personale, convertendo il diritto in "favore" che loro fanno ai cittadini, trasformando in maniera fraudolenta l'intero concetto di "sviluppo" e "ripresa" in una macchina che sostenga e leggittimi la loro esistenza?

I politici che forse si definirebbero "sani", che magari hanno altre storie dietro, forse un fondo di politica vera e qualche rimasuglio di "ideale", dovrebbero vergognarsi a condividere il loro mestiere con questi avventurieri, e invece dimostrano di piegarsi ad un qualsiasi ciccione con un bacino elettorale "interessante".

Bertinotti si è fatto intervistare da report, interessante notare quello che diceva e come lo diceva, il vecchio compagno, in un salotto tutto d'oro.

emanuele ha detto...

com'è questa cosa che prima facciamo trasferire i magistrati e poi chiediamo che le indagini proseguano senza intoppi?
puzza un po' di controsenso. ma non si preoccupi, è giusto che un ministro di giustizia scelga da chi farsi processare, non sono i tribunali tutti, in fondo, alle sue dipendenze? Ora capisco perchè aveva fatto tanti capricci per questo ministero...aveva visto lontano!
Bravo Mastella! Ancora una volta non sta abusando del suo potere, sono fiero di lei.
Mi raccomando, facciamo sparire anche questo commento, tanto ormai ci abbiamo fatto il callo e qualcuno che tiene alla libertà di parola più di lei e del suo collega Levi ha trovato modo di fare esprimere gli italiani senza censure(Grazie mille). Questa rete va bloccata!

Anonimo ha detto...

Anonimo ha detto...
Viviamo già nell'era che la P2 preventivava. Gli affaristi, Le loggie intrallazzano, trasferiscono, mettono le persone oneste sotto processo. Tutto è consentito loro. Muovono i miliardi di Euro e si comprano le coscienze di ometti, che cosi trovano luce, e banchettano alla corte di quelli che decidono i destini del popolo italiano, quello vero. Ci vuole una rivoluzione che li spazzi via se vogliamo un futuro degno di tale nome per i nostri figli.
RIVOLUZIONE
RIVOLUZIONE
RIVOLUZIONE...

AvvocatoDelDiavolo ha detto...

vergognatevi Voi
Sig. Ministro vada avanti

prodiromano.blogspot.com ha detto...

prima o poi vi chiuderanno e magari vi sbatteranno pure in galera ... e sarà sempre troppo tardi!
mastella è il migliore di tutti, più di 30anni e sempre a galla!

Domenico & Gianluca ha detto...

Non vi stupite delle difese verso il ministro che fa

AVVOCATO DEL DIAVOLO

Come gli abitanti di ceppaloni,è grato al ministro che non si scorda di rovesciare le sue molliche per nutrire in modo più o meno lecito la sua clientela che lo serve in ginocchio.

AvvocatoDelDiavolo ha detto...

da lasteccanelcoro.blogspot.com

Basta interviste Dott. De Magistris! Si candidi come deputato e facciamola finita.

Intervenendo ai microfoni di 'Viva voce' su Radio24 alla domanda: "Sarebbe pronto a candidarsi con l'Italia dei valori?", il Dott. Luigi De Magistris risponde: "Sono parole in libertà". "Io voglio fare il magistrato, amo questo lavoro e voglio continuare a farlo con dignità, spero di essere messo nelle condizioni di farlo in Calabria". http://notizie.alice.it/notizie/topnews/2007/10_ottobre/23/why_not,de_magistris:_csm_decida_presto,_troppi_si lenzi_colpevoli,13339630.html?pmk=nothpstr1 .Ok, Dott De Magistris , non è esclusa l'ipotesi di un seggio parlamentare per Lei.Ma allora perchè ha deciso di fare il magistrato? Concordiamo con Lei che fare il magistrato contro la crimininalità organizzata e contro la delinquenza non conduce alle interviste in TV e sulla stampa, nè ad un seggio in parlamento, ma magari alla morte ed ad una vita di terrore (vedi il 99% dei Signori Magistrati ,a cominciare dagli eroi Borsellino e Falcone).Sappiamo anche che ad inquisire i politici ,con indizi ed indagini della cui fondatezza aspettiamo rispettosamente le verifiche da parte di un Giudice, si rischia solo qualche chiamata in più dai giornalisti e ,magari chissà, qualche comparsata in TV.Noi speriamo ardentemente che Lei ci dimostri che la nostra supposizione ,circa il fatto che Lei entrerà in politica, sia solo una nostra maldicenza.Sa perchè lo pensiamo? Perchè Lei sembra che stia un pò seguendo la stessa "strada mediatica" dell'ex Giudice Di Pietro.Lei sembra , ma ci possiamo sbagliare, fare tutto il possibile per creare tensioni e dimostrare che Lei non può più fare il magistrato.Dato che Lei è sicuramente un preparato magistrato, perchè iscrivere Mastella nel registro degli indagati il 14 Ottobre ,quando ,codice alla mano, sapeva che per incompatibilità anche dopo pochi gg Le sarebbe stata sottratta l'indagine? Perchè non lo ha lasciato fare a chi avrebbe avocato l'indagine? Non vorremmo pensare, e non lo possiamo pensare, che Lei l'abbia fatto per creare ulteriori tensioni.Se Le piace fare il politico, esser noto o famoso, si candidi davvero con l'Italia dei Valori , o con qualunque altro partito, però , per carità di Patria, ci risparmi, magari in udienza come fece Di Pietro, la levata di Toga, simbolo del non poter più lavorare.Lasci la magistratura prima del tempo se vuol fare il politico.Mi permetta ,peròo sono dalla parte del 99% dei Magistrati che mi e ci tutelano dalla macro e micro criminalità.Quelli che ,al sol sentire un giornalista, rispondono "NO grazie, c'è il segreto istruttorio" e "NO grazie , io faccio il magistrato e lavoro nell'oscurità".Lasci stare i bossoli o il tritolo che vengono utilizzati da delinquenti professionali, non certo dai politici.Non credo personalmente a responsabilità penali del Sig. Ministro Mastella, e rispettosamente ne attendo la verifica da un giudice terzo;non credo sicuramente che l' andare contro i politici , Le faccia rischiare l'incolumità personale. Non lo vedo davvero Mastella che Le spara o La faccia sparare.Invece la storia ci insegna che andare contro la macro e micro criminalità può davvero fare rischiare la vita.Quello sì purtroppo.Ci perdoni ma il nostro esempio di magistrato è Paolo Borsellino (senza Dott. perchè un Eroe non lo si chiama con il titolo professionale).Dopo l'uccisione di Falcone sapeva che sarebbe morto e disse "mi sento come un cadavere che cammina" in una delle pochissime interviste che ha rilasciato..Avrebbe potuto candidarsi in qualunque partito politico ed avere salva la vita.Preferì immolarsi.Lui sì che rischiava e sapeva scientemente di farlo.Morì con il tritolo.

Anonimo ha detto...

ADESSO BASTA !!!!!!!!!!!!!
BASTA MASTELLA IN TV.
MA QUANDO LAVORA QUESTO BUFFONE ?
CI MANCA SOLO DI VEDERLO CON LE TAGLIATELLE DI NONNA PINA.

AvvocatoDelDiavolo ha detto...

invece de magistris dove sta se non in TV?

Anonimo ha detto...

MASTELLA DIMETTITI DALL'ITALIA!!!!
MASTELLA DIMETTITI DALL'ITALIA!!!!
MASTELLA DIMETTITI DALL'ITALIA!!!!
MASTELLA DIMETTITI DALL'ITALIA!!!!
MASTELLA DIMETTITI DALL'ITALIA!!!!
MASTELLA DIMETTITI DALL'ITALIA!!!!
MASTELLA DIMETTITI DALL'ITALIA!!!!
MASTELLA DIMETTITI DALL'ITALIA!!!!
MASTELLA DIMETTITI DALL'ITALIA!!!!
MASTELLA DIMETTITI DALL'ITALIA!!!!
MASTELLA DIMETTITI DALL'ITALIA!!!!
MASTELLA DIMETTITI DALL'ITALIA!!!!

m.t. ha detto...

Mastella sei la vergogna dell'Italia! Hai fatto trasferire De Magistris a Roma! Alla fine ce l'hai fatta.
Brutto farabutto FACCIA di M....A! L'hai messa nel culo a tutti gli italiani onesti per l'ennesima volta!!

Spero che qualcuno (lass� provveda ad una punizione (divina) adeguata alla tua meschinit� e incompetenza...

MALEDETTO CORROTTO! TU E TUTTA LA CASTA!

AvvocatoDelDiavolo ha detto...

da lasteccanelcoro.blogspot.com

Il Dott. De Magistris Luigi domani ancora intervistato ad "Anno Zero".A quando una comparsata su "C'è posta per te"?

Il Dott. De Magistris Luigi ancora una volta sui media.Questa volta presenzierà giovedì prossimo su "Anno Zero" condotto dal giornalista Santoro Michele.Mi chiedo che fine farebbe la Giustizia se tutti i Sigg.ri Magistrati facessero passerella tra Tv e giornali come sembra faccia il Dott. De Magistris Luigi.Per fortuna il 99% dei Sigg.ri Magistrati sono troppo occupati , specie nel nostro meridione, a ricercare i mafiosi e delinquenti che sono il vero cancro della nostra Nazione.Ci si viene a dire che la presenza da Santoro servirebbe a difendersi dagli attacchi subiti.Forse conosco poco io l'ordinamento della magistratura, ma credo che sia il CSM ,e non certo la TV, il palcoscenico adatto a difendersi dalle incolpazioni ricevute.Eh si ,perchè il Dott. De Magistris Luigi è incolpato innanzi al CSM di questioni di non poco conto e sulle quali deciderà il massimo organo di autogoverno della Magistratura.Non approviamo questo presenzialismo del Dott. De Magistris Luigi.Avremmo gradito che ,come altri, si fosse difeso dalle accuse di avere svolto non bene il proprio lavoro innanzi al CSM e non a mezzo stampa.C'è un ecc.mo organo di rappresentanza politica dei magistrati che è l' Associazione Nazionale Magistrati.Ebbene i Sigg.ri Magistrati dell' A.N.M. svolgono il loro ruolo di rappresentanza con efficacia ma senza eccessi di presenzialismo (e loro pur potrebbero dato l'incarico rappresentativo ricoperto).Sig. Dott. De Magistris Luigi temiamo invece che , andando avanti così, un giorno o l'altro La troveremo anche a "C'è Posta per te", magari per l'occasione ribattezzata come "C'è avviso di garanzia per te".

FrancoK ha detto...

Sembra che qualche simpatica persona abbia inserito nel sito ufficiale del ministero della giustizia una presa per i fondelli a Di Pietro e poi la abbia cancellata:

http://img504.imageshack.us/my.php?image=giustkk5.jpg

ma, essendo lui ignorante su come funziona Internet, non sa che è possibile recuperarla. Come?

Andate su Google ed inserite nel campo di ricerca:

site:www.giustizia.it attapirato

e troverete questo:

http://209.85.135.104/search?q=cache:http%3A%2F%2Fwww.giustizia.it%2Fministro%2Fcom-stampa%2Fxv_leg%2F22.10.07.htm

Anonimo ha detto...

CUCKOLD MASTELLA
The first son of italian minister of justice CLEMENTE MASTELLA, named Pellegrino Mastella, was betrayed by his wife Alessia Camilleri while she was spending her holidays in August 2007 on the boat of Mastella's friend Diego Della Valle, famous as patch-shoes seller. Alessia Camilleri, wife of Pellegrino Mastella, was fucked by the son of Diego Della Valle on his own boat when Pellegrino Mastella was still in the Ministry of Production in Rome where he works as useless and very salary-earner clerk.
Alessia Camilleri had moved off some days before with her parents-in-law, Clemente Mastella and his mature mistress Sandra Lonardo. All three sailed from Capri and went to Eolian Islands on the barge of the patch-shoes maker Diego Della Valle.
Some days later, Pellegrino Mastella also reached his tribe at Lipari. When he arrived there, he found his wife Alessia Camilleri totally naked on the boat with Della Valle's son and he understood that they had copulated without his knowledge while he was in Rome.
After this surprise, Pellegrino Mastella decided to divorce at once while his father, mafia's boss Don Clemente, tried to not let be known this horny story in the italian reportings.
So Don Clemente Mastella from Ceppaloni decided to block italian media about the knowledge of his cuckold son Pellegrino Mastella.
Clemente Mastella, as cuckold-himself, is now trying to block all web sites of the most clever italian people because they could let known through all the world this great cuckold misadventure of his son Pellegrino which - at now - is still nearly unknown in Italy.
At the moment Alessia Camilleri has leaved the house where she was living with the son of "fat" Clemente Mastella in Rome and she went to live with patch-shoes maker Della Valle's son in another northern italian city.
Now we all know why mafious hack Clemente Mastella is attempting to introduce a new bad law in Italy to limit peoples' freedom of expression.

Demo M. ha detto...

Nice comment :-P

Anonimo ha detto...

L'unica cosa buona di Mastella è la moglie

Albarello Marco ha detto...

Dedicato al ministro:

http://it.youtube.com/watch?v=L4jdJDutuF0

Dedicato al V day sull'informazione:

http://it.youtube.com/watch?v=5vdCXtCHhVE

Anonimo ha detto...

DIFFONDETE SU TUTTI I BLOG LA DATA DEL NUOVO V DAY

25 APRILE 2008

LA LIBERAZIONE

Anonimo ha detto...

Ieri sera, spero che in molti avete visto Reporter, l'amica nazione Svezia, ci ha dimostrato cosa veramente significa libertà d'informazione:
I cittadini svedesi possono chiedere al Ministro di Giustizia di ricevere senza nessun tipo di ostacolo burocratico, di conoscerele spese effettuate in caso di viaggi anche a titolo perfsonale.
Riescono a vedere la posta del Ministro, prima che lo stesso l'abbia visionata.
Mi viene da piangere a pensare ai nostri politici, incriminati, indiziati, condannati con Sentenze passate in giudicato che restano al loro posto.
E' gli Svedesi ci compiangono...
e pensano poveretti sti Italiani come son ridotti.

Anonimo ha detto...

SANTORO ASPETTIAMO STASERA TUE NOTIZIE SUL CEPPALONICO.
NON FARTI INTIMIDIRE.
uno di Ceppaloni che lo conosce bene.

Albarello Marco ha detto...

Non ho resistito!

http://it.youtube.com/watch?v=iP4HbOQgS7Q

zio pino ha detto...

vaffanculo demente mastella

Anonimo ha detto...

Travaglio è forte!
Ce ne vorrebbero di più di giornalisti con i coglioni!
...e ovviamente per coglioni non intendo il Ceppalonico e i suoi compari!
Propongo la sua estradizione in Cambogia (anche con l'aereo di Stato: per una volta non badiamo a spese!), magari insieme al vecchio maialone di Savoia!

Dario (PD)

Anonimo ha detto...

скачать парень оттрахал молоденькую разносчицу кофе http://free-3x.com/ онлайн школьницы free-3x.com/ ебля студентов [url=http://free-3x.com/]free-3x.com[/url]

Anonimo ha detto...

blmf ohebk [URL=http://www.bigtits234.com]Huge Boobs[/URL] uqsdpk q cn z unt